Edilizia sostenibile e reversibile con i pannelli sandwich

Durante la recente crisi economica, l’industria delle costruzioni ha sofferto in modo particolare. In questo quadro, nuove idee, nuovi approcci nel design e l’uso di materiali costruttivi green, uniti alla consapevolezza ambientale, hanno dimostrato di poter essere un volano di sviluppo dell’intero settore edile e dell’economia, più in generale.

Rocco TrainiEdilizia green grazie ai pannelli sandwich

Rocco Traini - Coordinamento Ufficio Tecnico

Coordinatore dell’ufficio tecnico l’Ing. Rocco Traini supporta l’area commerciale per aiutare i clienti ad ottenere la miglior soluzione tecnologica. Con più di 10 anni di attività nel mondo Isopan è oggi un esperto del pannello sandwich e delle sue applicazioni.

Scopri tutti i nostri prodotti

Assemblaggio a secco e costruzioni stratificate


Gli edifici sono responsabili di quasi la metà del consumo di energia globale. Inoltre, il settore delle costruzioni considerate tradizionali produce una notevole quantità di rifiuti, sia in fase costruttiva che successivamente, in caso di demolizione degli edifici. 

Il futuro dell’edilizia deve quindi essere ‘verde’: non solo edifici efficienti, ma intere città a basso consumo energetico.

In quest’ottica, si inseriscono l’edilizia che si sviluppa per addizione di elementi prefabbricati altrove, industrialmente controllati, e quella basata sulla realizzazione in loco di struttura e rivestimenti (leggi anche l'articolo "Costruire in opera o montare elementi preassemblati?").

La possibilità di creare una stratificazione funzionale, connettendo pannelli sandwich e facciate continue permette di risolvere molte delle necessità imposte dai cambiamenti climatici e dalla presa di coscienza dell’impatto delle attività umane sull’ambiente. L’assemblaggio a secco libera anche il progettista e i committenti dai vincoli strutturali imposti da altri materiali edili. 

I muri non sono più elementi portanti, ma diventano uno schermo alle intemperie, un involucro con prestazioni termiche e acustiche, particolarmente efficace nonostante la leggerezza.  

I pannelli sandwich sono elementi costruttivi adatti a essere impiegati in coperture, pareti interne ed esterne. Soluzione molto comune negli edifici destinati all’uso commerciale e industriale, stanno diventando una scelta sempre più frequente anche nell’edilizia civile.

I vantaggi dei pannelli sandwich nella costruzione a secco

La possibilità di mimetizzare i diversi componenti o, viceversa, di sottolinearli, valorizzando superfici e volumi ha aperto la strada di questa tecnologia costruttiva al design.

Materiali innovativi, con finiture materiche e infinite possibilità di colori, permettono di raggiungere un elevato grado di personalizzazione, pur nella produzione industriale.

Questi elementi costruttivi sono composti da tre strati integrati tra loro. I materiali compositivi e la stratigrafia conferiscono all’insieme proprietà di resistenza, impermeabilizzazione, isolamento termico, isolamento acustico, resistenza alla corrosione e agli agenti atmosferici.

Sono costituiti da due facce, solitamente in metallo, con interposto uno strato isolante.  I tre strati, insieme, formano un unicum, dotato di resistenza e rigidità.

I pannelli sandwich, come detto, si prestano a svariati utilizzi, sia per quanto riguarda il tipo di edificio, che la funzione strutturale. A seconda dell’impiego, possono presentare caratteristiche differenti. 

Per esempio, per la realizzazione delle coperture, esistono: 

  • Pannelli grecati
  • Pannelli adatti a realizzare tetti piani
  • Pannelli che riproducono coppi
  • Pannelli precurvati.

I pannelli coibentati destinati a costituire le chiusure verticali e le partizioni interne, possono presentare profili differenti, quali per esempio dogatura, micronervatura o planarità delle superfici, e possono avere finiture superficiali e rivestimenti differenti.

Potere isolante massimo in un minimo spessore


L’apporto più importante, che i pannelli sandwich danno alle costruzioni, riguarda però l’isolamento.

L’edilizia sta diventando sempre più sostenibile, grazie alla ricerca e allo sviluppo di soluzioni costruttive, che contengono i consumi e le emissioni di CO2. L’involucro edilizio è determinante per garantire ottime prestazioni energetiche e assicurare il comfort ambientale interno. Questo si traduce anche in un apprezzabile risparmio economico per mantenere buone condizioni termiche  nell’edificio. 

L'efficienza energetica è il primo passo verso il raggiungimento della sostenibilità in edilizia, perché contribuisce a ridurre l’impronta ambientale, a controllare l'aumento dei costi energetici e, nel contempo, ad aumentare il valore e la competitività degli edifici sul mercato. La priorità nella progettazione di edifici più green è, quindi, l'efficienza energetica, che deve partire dalla conoscenza dei prodotti e delle loro caratteristiche tecniche, dei requisiti di prestazione dell'edificio e delle esigenze delle persone all'interno dell'edificio.

Vi sono inoltre importanti vantaggi derivanti dal rendere gli edifici più efficienti dal punto di vista energetico, tra cui la creazione di posti di lavoro, la riduzione della povertà energetica, il miglioramento della salute e del benessere.

L’efficacia coibente dei pannelli sandwich (leggi anche "Qualità prestazionale ed estetica dei pannelli sandwich") dipende direttamente dall’elemento isolante, che costituisce il core della stratigrafia. 

I materiali utilizzati per la costruzione dei pannelli sandwich possono essere di diversa origine: minerale, vegetale, animale o di sintesi. Ognuno presenta caratteristiche specifiche di trasmittanza termica, incombustibilità (leggi anche "Il contributo dei pannelli sandwich in caso di incendio"), isolamento acustico, costo.  Nella scelta dell’elemento isolante, è opportuno valutare l’intero ciclo di vita del pannello stesso e quindi il rapporto costo/benefici nel tempo, dalla fase produttiva allo smaltimento (leggi anche l'articolo "Coibentazione edilizia").

Pannelli sandwich Leaf, dalle pareti alla copertura - isopan

Tra i materiali che assicurano un adeguato isolamento e che sono diventati di uso comune, ci sono le lane minerali e le schiume poliuretaniche, che uniscono il vantaggio di un prezzo accessibile alle eccellenti prestazioni. Infatti, hanno valori di conducibilità e di inerzia termica, che assicurano efficacia coibente ottimale, sia durante le stagioni fredde, che in quelle più calde. 

In particolare, un basso valore di conducibilità termica garantisce un elevato isolamento termico dell'edificio, permettendo quindi una riduzione del consumo di energia per mantenere confortevole la temperatura interna in inverno. Nel caso di progetti in cui la priorità sia contenere le dispersioni di calore, il poliuretano garantisce una prestazione ottimale.

La lana minerale offre, invece, una migliore protezione dal caldo estivo, grazie all’elevato valore di inerzia termica e calore specifico, che le consentono di attenuare e ritardare l’ingresso dell’onda termica, dovuta alla radiazione solare incidente sull’involucro edilizio. 

La possibilità di sfruttare elementi prefabbricati, che dispongono di appositi giunti, inoltre, facilita la corretta posa dei pannelli e riduce ulteriormente il rischio di ponti termici nell’involucro edilizio.

Il rivestimento metallico dei pannelli sandwich, opportunamente trattato, garantisce all’edificio la protezione dal vento e dall’acqua e ripara lo strato isolante dall’umidità, che potrebbe danneggiarlo e ridurne le prestazioni. Questo assicura la durabilità e la costanza dell’efficacia coibente nel tempo (leggi anche Termica dei sistemi a secco con pannelli sandwich).

Cantiere razionale grazie ai pannelli sandwich


Nei cantieri che sfruttano le potenzialità delle costruzioni a secco, al processo artigianale si sostituisce il processo industriale, organizzato ed efficiente.

Molte lavorazioni vengono spostate dal cantiere all’industria, dove la produzione standardizzata garantisce elevati e costanti livelli di qualità. In parte viene risolto così, anche il problema della stagionalità dell’attività costruttiva.

Eliminata o ridotta la necessità dei tempi di essicazione e asciugatura, tipici dell’edilizia a umido, l’edilizia a secco garantisce tempi di costruzione certi e costi fissi. Inoltre, l’uso di elementi prefabbricati e pre-assemblati, come i pannelli sandwich, accresce la qualità del manufatto edilizio.

La progettazione dettagliata dei particolari costruttivi, necessaria nel processo di costruzione a secco, incide favorevolmente sui tempi di realizzazione degli edifici, oltre che sull’impiego razionale di ciascun materiale. Infatti, la velocità di assemblaggio delle strutture e dei tamponamenti è uno dei vantaggi più evidenti di questa tecnica (leggi anche l'articolo "Cantieri edili più efficienti ed economici").

L’insieme delle  caratteristiche dei pannelli sandwich e del sistema costruttivo nel suo complesso rendono non solo il cantiere, nel suo svolgimento, più celere e razionale, ma ottimizzano anche la manutenzione e lo smaltimento alla fine del ciclo di vita dell’edificio.

L’edilizia a secco in acciaio, realizzata tramite assemblaggio dei vari componenti, può, infatti, essere rimodulata o smontata in caso di cessazione dell’utilizzo. I materiali possono così essere separati e, in parte, riutilizzati, rendendo il sistema ancora più conveniente e sostenibile.

pannelli-sandwich

Lo smaltimento e il riciclo sono tra gli aspetti oggetto di valutazione nei vari protocolli ambientali e per la certificazione di prodotto. Esistono, infatti, pannelli sandwich realizzati senza l’impiego di materiali nocivi, che sono quindi certificati per il rispetto della salute e dell’ambiente (leggi anche: "Trasparenza in edilizia con l'etichetta Declare").

Inoltre, grazie al risparmio energetico che possono produrre nell’arco di tempo del loro utilizzo, i pannelli sandwich contribuiscono a maturare il punteggio utile per ottenere i riconoscimenti per la sostenibilità ambientale, protocolli volontari che costituiscono una vera opportunità per l’edilizia (leggi anche "Certificazioni, protocolli e linee guida per un’edilizia sostenibile").

Per la loro flessibilità nell’adattarsi a edifici con diverse destinazioni d’uso, differenti stili architettonici e condizioni climatiche estreme, i pannelli sandwich costituiscono una delle più interessanti e innovative applicazioni nell’edilizia a secco.

Una soluzione che soddisfa le esigenze di costruzioni più rispettose dell’ambiente,  più efficienti, più confortevoli e funzionali rispetto alle condizioni del vivere contemporaneo e che risponde anche alla necessità di reversibilità. 

L’elemento principe di un meccano, che si compone e scompone, dando vita a strutture performanti e architettonicamente rilevanti. 

La nostra sfida

Isopan contribuisce da oltre quarant’anni alla sfida globale per migliorare il settore delle costruzioni in un’ottica di sostenibilità ambientale. Abbiamo studiato e introdotto una nuova tecnologia per i nostri prodotti, che permetterà al tuo edificio di raggiungere migliori performance, offrendo più sostenibilità, più sicurezza e più isolamento, con la garanzia di un servizio Isopan.